Seconda edizione del progetto “Comunità Creative”: pubblicati gli esiti della selezione

Un’iniziativa della Fondazione Matera Basilicata 2019 punta a rivoluzionare il modello di biblioteca e presidio culturale nella regione

La Fondazione Matera Basilicata 2019 ha reso noti i nomi dei professionisti e delle imprese selezionati per partecipare alla seconda edizione del progetto “Comunità Creative. Programma di residenze di co-creazione”. Questa iniziativa, realizzata in memoria di David Sassoli, è stata messa a punto in collaborazione con il Polo Bibliotecario di Potenza, Lo Stato dei Luoghi, il Patto per la Lettura del Lagonegrese e gode del patrocinio dei Comuni di Balvano, Filiano, Latronico e Miglionico.

La selezione, aperta a giovani professionisti under 40 e a industrie culturali e creative lucane, ha visto la scelta di esperti in diverse aree, come progettazione culturale, community management e social innovation. Tra i giovani professionisti selezionati figurano Marica Girardi, Liviano Mariella, Kedy Claudia Cellamare e Barbara Vecchione. Per quanto riguarda le industrie, sono state scelte la società Torretta Srl di Matera e l’associazione Artepollino di Latronico (PZ).

La residenza creativa avrà inizio il 22 ottobre e si protrarrà per sei settimane. Durante questo periodo, i partecipanti lavoreranno alla creazione di un nuovo modello di biblioteca e presidio culturale, inteso come spazio ibrido. Saranno coinvolti anche i comuni di Balvano, Filiano, Latronico e Miglionico, scelti come luoghi di studio pilota per il progetto. L’obiettivo è coinvolgere le comunità ospitanti e le associazioni locali nella co-creazione di questi spazi culturali.

Il programma prevede una prima settimana a Matera dedicata alla co-progettazione e a workshop con professionisti europei. Le successive quattro settimane saranno impiegate per raccogliere dati e avviare attività sul campo nei quattro comuni lucani selezionati. Infine, l’ultima settimana sarà dedicata alla sintesi dei risultati e alla preparazione di strumenti per la realizzazione di presidi culturali nelle aree interne della Basilicata. La residenza si concluderà il 2 dicembre con una presentazione finale, i cui risultati verranno integrati in un progetto strutturale a scala regionale della Fondazione.