Matera, riduzione temporanea della capienza dello stadio “XXI Settembre Franco Salerno”: decisione necessaria e non legata al progetto di riqualificazione

L’Amministrazione comunale decide di diminuire i posti disponibili allo stadio per risparmiare su verifiche tecniche, in vista dei lavori di riqualificazione previsti per il 2024

Il ridimensionamento della capienza dello stadio “XXI Settembre Franco Salerno” è stato annunciato come un provvedimento temporaneo e indipendente dal futuro progetto di riqualificazione denominato “Parco del campo”. Con una decisione firmata dal dirigente Ignazio Oliveri, l’Amministrazione comunale ha optato per la riduzione dei posti da 7.000 a 4.999.

Questo provvedimento è stato adottato al fine di rinnovare la certificazione comunale di pubblico spettacolo, in vigore dal 2018, senza incorrere in verifiche tecniche costose. In un contesto di recenti norme sulla sicurezza in luoghi destinati a eventi di massa, gli amministratori hanno ritenuto inutile una perizia tecnica, considerando i prossimi lavori di riqualificazione.

I cantieri per il progetto “Parco del campo” inizieranno nel primo semestre del 2024. Il sindaco Domenico Bennardi e l’assessore allo Sport Antonio Materdomini hanno ribadito l’accordo con le società sportive “Fc Matera” e “Città dei Sassi” sulla nuova organizzazione, in seguito alla ridotta capienza dello stadio. L’assessore Materdomini ha sottolineato la collaborazione delle società calcistiche locali e l’apertura ad eventuali proposte e suggerimenti, con l’obiettivo di valorizzare lo stadio. Ha inoltre chiarito che il ridimensionamento è solo temporaneo e non influenzerà il futuro “Parco del campo”, che tornerà alla capienza originaria.