Sagra della Polenta a Nemoli: il carnevale lucano all’insegna della tradizione

Martedì 21 febbraio migliaia di ospiti si daranno appuntamento a Nemoli per la plurisecolare “Sagra della Polenta”, uno dei carnevali più importanti della Basilicata.

Dal 16 al 21 febbraio Nemoli, in provincia di Potenza, si trasforma in un grande palcoscenico per la “Sagra della Polenta”, una delle manifestazioni più importanti della regione. Il carnevale lucano si presenta come un evento all’insegna della tradizione, capace di richiamare migliaia di ospiti provenienti da ogni parte della regione e del sud Italia.

La kermesse, organizzata dalla Pro Loco e dall’Amministrazione Comunale con il patrocinio del Gal “La Cittadella del Sapere”, offre una serie di appuntamenti che spaziano dalla sfilata in costume delle scuole all’atteso momento della preparazione e distribuzione della “Polenta della solidarietà” ai domicili di persone anziane ed ammalate. Il “Carnevale dei bambini” con i canti e le danze del Gruppo folcloristico di Mormanno, il giro dei “Frazzuogni” (le tipiche maschere) per il paese e la passeggiata musicale del complesso bandistico “Città di Viggiano” nel centro storico e al Lago Sirino, sono solo alcuni degli appuntamenti che caratterizzano la kermesse.

Il momento clou della manifestazione è previsto per martedì 21 febbraio, quando i “Mastri Polentari” daranno inizio alla preparazione del piatto, con l’accensione del fuoco, sotto quattro capienti calderoni di rame presso l’Angolo dello Spizio. Nel pomeriggio, alle 16,00, si terrà la sfilata di carri allegorici, gruppi e maschere, seguita dalla distribuzione gratuita di quintali di polenta, conditi con pezzi di salsiccia e pancetta, accompagnati da vino rosso locale. Ad allietare la piazza ci sarà anche il Trio comico Lucano LA RICOTTA.

La sagra si concluderà con la premiazione delle maschere ed il sorteggio dei Cestoni di Carnevale, contenenti prodotti tipici. Nonostante venga annoverato tra i carnevali “minori d’Italia”, l’appuntamento è molto importante per il territorio e per la promozione delle tradizioni locali.