Consiglio permanente CEI riunito a Matera, l’omelia di Mons. Salvatore Ligorio

E’ stata affidata a mons. Ligorio, arcivescovo di Potenza e presidente della Conferenza Episcopale lucana, l’omelia della concelebrazione con cui nella cattedrale di Matera si sono aperti, stamane, i lavori della sessione autunnale del consiglio permanente della CEI, sotto la presidenza del cardinale di Bologna Matteo Zuppi.

La scelta di Matera ovviamente è dovuta alla coincidenza col congresso nazionale eucaristico che si terrà nella Città dei Sassi a partire da domani e si concluderà con la visita di Papa Francesco.

Commentando il brano del vangelo che riporta la conversione del pubblicano Matteo, mons. Ligorio ha evidenziato , ai suoi confratelli del consiglio permanente ( una trentina tra vescovi e cardinali) come la chiamata e l’appello di Dio sia rivolto soprattutto ai lontani, agli ultimi, a coloro che sono rifiutati dalla società. Ed è una chiamata – ha sottolineato Ligorio – “che fa uscire la persona dall’anonimato e dagli stereotipi che schiacciano la realtà”.

Matera sede del congresso eucaristico nazionale fu indicata alla CEI dai vescovi meridionali per evidenziare anche il risvolto religioso e di fede della speranza di riscatto che la città aveva espresso come “capitale europea della cultura 2019” e in quanto tale capofila di tutto il Mezzogiorno d’Italia.