Ambiente, trasporto sotterraneo rifiuti: cantiere a Taranto

Un investimento complessivo che ammonta a circa 8 milioni di euro. Servirà 12mila tarantini e consentirà di raccogliere in maniera innovativa 5mila tonnellate di rifiuti all’anno. Sono i numeri dell’impianto sotterraneo di trasporto pneumatico dei rifiuti che l’amministrazione comunale di Taranto, guidata dal sindaco Rinaldo Melucci, sta realizzando tra i quartieri Salinella e Taranto 2, in via Golfo di Taranto, a servizio di una vasta porzione di città.

Il cantiere è stato aperto nelle scorse ore, alla presenza del primo cittadino, ed entro circa 6 mesi consegnerà alla collettività un’opera che trasformerà completamente la gestione dei rifiuti da parte dei cittadini. Attraverso 28 postazioni in rete distribuite nel quartiere Taranto 2, idealmente nella fascia compresa tra viale Magna Grecia e viale del Rinascimento (con una propaggine nel quartiere Salinella), sarà possibile conferire i rifiuti differenziati che saranno letteralmente “aspirati” sottoterra a 70 km/h, finendo nell’impianto centrale (che assorbirà l’attuale isola ecologica) da dove saranno poi destinati agli impianti di recupero.