Scuola, incontro in Prefettura a Bari: decisi doppi turni e orari di ingresso e uscita scaglionati

Lezioni con doppio turno in ingresso e in uscita: uno alle ore 8, che interesserà il 75% della popolazione scolastica di ogni istituto e il restante 25% alle 9.40. Sul fronte trasporti, capienza massima dei mezzi all’80% e potenziamento del servizio bus. E’ questa la soluzione individuata nelle scorse ore al termine di un incontro in prefettura a Bari, al quale hanno partecipato, tra gli altri, il prefetto, Antonia Bellomo, l’assessora regionale ai Trasporti, Anita Maurodinoia e i rappresentanti del Comune e della Città Metropolitana di Bari, dell’Ufficio scolastico territoriale, della motorizzazione, delle società ferroviarie e automobilistiche.

“Come Regione Puglia – ha dichiarato l’assessore Maurodinoia – siamo pronti ad affrontare con il massimo impegno le novità emerse dal tavolo prefettizio di Bari, in merito all’imminente riapertura delle scuole per garantire un trasporto pubblico in sicurezza. Appena perverranno, a giorni, i dati del documento operativo – ha poi concluso Maurodinoia – potremo avere contezza dell’ulteriore volume di risorse economiche necessarie per garantire un riavvio in sicurezza”. Soddisfazione è stata espressa anche da Matteo Colamussi, presidente di Asstra Puglia e Basilicata, l’associazione che riunisce le aziende di trasporto: “Questa non è una vittoria personale o di parte, è la soluzione migliore che, responsabilmente, si potesse assumere per garantire il diritto allo studio e il diritto alla mobilità riducendo al minimo sia i disagi all’utenza, sia l’impatto sull’ambiente e sul traffico”. I servizi di trasporto pubblico quindi partiranno dal 20 settembre prossimo per garantire I servizi per l’inizio dell’anno scolastico in presenza.

“L’ingresso del 25% degli alunni alle ore 9.40, mentre il 75% alle ore 8, è una decisione che non ci vede assolutamente concordi e che creerebbe enormi problemi organizzativi alle famiglie e agli istituti pugliesi”, il commento del segretario generale della Uil Scuola Puglia, Gianni Verga, dopo l’annuncio dei doppi turni previsti, con ingressi e uscite scaglionate. “Dopo quasi due anni di pandemia e tante riunioni – ha concluso Verga – questo è il risultato, che valuteremmo scolasticamente come bocciatura senza appelli”.