Monopoli, si introdusse in casa di studenti per rubare gioielli: arrestato 53enne

C’è una giovane donna che dorme tranquilla nel suo letto, in casa sua, quando un uomo sconosciuto entra nell’appartamento impossessandosi di tutto: dai gioielli agli effetti personali. Sembrerebbe la sceneggiatura di un film horror, e invece è quanto accaduto lo scorso 16 febbraio a Monopoli, in provincia di Bari. Per quell’episodio la polizia ha arrestato un 53enne pregiudicato. Sarebbe stato lui, secondo quanto emerso dalle indagini, a introdursi quel pomeriggio si nell’abitazione di una coppia di studenti cinesi. Tutto accadde a loro insaputa. I due giovani solo più tardi si sarebbero accorti che in casa non ci fossero più i loro gioielli per un valore di 9mila euro, prima custoditi in contenitori riposti nel bagno. Il 53enne approfittando del fatto che la ragazza stesse riposando, si sarebbe intrufolato attraverso la porta finestra in cucina.

Avrebbe rubato anche la borsa della studentessa, con all’interno carte di credito, permesso di soggiorno, cellulare e altri documenti. La dinamica del furto non è sfuggita alle telecamere del circuito di videosorveglianza di cui l’appartamento è dotato. Le immagini mostrano un uomo snello, alto circa un 1 metro e 70, con capelli neri e occhiali da sole. La mascherina sul volto, probabilmente non tanto per cautelarsi dal Covid quanto per rendere difficile il suo riconoscimento. Gli investigatori però sono riusciti lo stesso a risalire alla sua identità, appurando che si trattasse di un pregiudicato barese con precedenti specifici e diverse condanne per reati contro il patrimonio, specializzato nei furti in abitazione e già arrestato nel 2017 sempre per lo stesso reato. L’uomo è stato rintracciato a Bari, sul lungomare, ed è stato arrestato, oltre che sanzionato per il mancato rispetto delle norme anti-Covid. Nei suoi confronti la Procura ha emesso una misura cautelare di custodia in carcere.