Bari, controlli anti-Covid: tre positivi denunciati per epidemia colposa

Sorpresi in giro dalla polizia nonostante l’isolamento obbligatorio. Dall’inizio della “zona rossa” sono oltre 2mila le sanzioni nell’area metropolitana

Positivi, consapevoli di esserlo, e in giro per la città. Tre persone a Bari sono state denunciate per epidemia colposa nelle scorse 24 ore: avrebbero violato l’isolamento obbligatorio. L’episodio emerge dal report sul monitoraggio dei controlli anti-Covid delle forze di polizia. I tre sono stati trovati in giro nonostante fossero positivi al coronavirus. Altre 83 persone sono state sanzionate, su 2761 sottoposte a controllo nel territorio dell’area metropolitana. Sono 87 le attività commerciali controllate: per un titolare è scattata la sanzione per il mancato rispetto delle norme anti-Covid.
A Bari città, la polizia ha impegnato 11 pattuglie e 24 uomini per monitorare la situazione e tenere a bada eventuali assembramenti. Nel quartiere San Girolamo, in zona waterfront, gli agenti hanno fermato e identificato 30 persone. Dieci di loro stavano stazionando davanti a un negozio di alimentari in cui si stavano somministrando abusivamente bevande. I controlli hanno interessato anche un ex circolo privato dove, al di là di una serranda abbassata, quattro uomini sono stati sorpresi a bere e giocare a carte. Tutti identificati e sanzionati. Complessivamente sono state contestate 14 violazioni della normativa anti-Covid. Dal 15 marzo, cioè da quando la Puglia è passata in “zona rossa”, sono state controllate quasi 75.500 persone, oltre 2mila delle quali sanzionate e 7 denunciate per epidemia colposa. Su circa 3300 attività controllate, 65 sono quelle sanzionate. Cinque sono state chiuse.