Covid: Coldiretti, +20% in fila per spesa nel weekend

Presi d’assalto supermercati e mercati per fare scorte di cibo

Sono tornate anche in Puglia le file davanti ai supermercati, in vista dell’entrata della regione in “zona rossa”: nel corso del weekend è stata stimata un’amento della spesa pari al +20%

In Puglia come un anno fa, o quasi.
La regione torna in zona rossa, ma tra la strade del capoluogo pugliese e sulle provinciali, nulla sembra essere cambiato. Le strade deserte, che ci riportano a quel marzo 2020, non sono paragonabili a quelli di oggi.
La circolazione sembra la stessa di ieri, quello che è stato registrato nel weekend, invece, ci riporta proprio a un anno fa.
Supermercati presi d’assalto, carrelli pieni: la gente ha scelto di acquistare scorte in vista delle prossime (almeno) due settimana in rossa per la regione.
Sono tornate, quindi, le file davanti a supermercati, negozi e mercati dove, al Coldiretti, stima un aumento della spesa in media del 20% per fare scorte di prodotti alimentari.
È la fotografia rilasciata dall’associazione di categoria, con un monitoraggio realizzato in occasione dell’ultimo weekend prima della stretta anti covid e con l’Italia che si colora tutta di rosso e arancione fino a Pasqua, tranne la Sardegna.
L’ organizzazione agricola sottolinea che insieme ai negozi per lo shopping, ai parrucchieri e ai ristoranti sono stati presi d’assalto anche molti supermercati e mercati alimentari che tuttavia possono rimanere aperti in tutte le regioni. Viene segnalato che ad essere maggiormente richiesti sono prodotti di base della dieta alimentare come frutta e verdura ma anche pasta, riso, uova, farina, zucchero.
Coldiretti aggiunge che l’approvvigionamento alimentare è assicurato in Italia grazie al lavoro di 740 mila aziende agricole e stalle, 70 mila imprese di lavorazione alimentare e una capillare rete di distribuzione con 230 mila punti vendita tra negozi, supermercati, discount e mercati contadini.
Coldiretti infine consiglia, visto la garanzia offerta per il servizio di spesa, di evitare inutili file che favoriscono gli assembramenti ed aumentano il rischio della diffusione del contagio.