Coronavirus nel barese, il sindaco di Noicattaro: “zona gialla un corno”

Con l’hashtag “#zonaGiallaunCorno” il sindaco di Noicattaro (Bari), Raimondo Innamorato, denuncia assembramenti di giovani davanti ai bar della sua città, allegando a un post su Facebook una foto scattata questa mattina.

“Ciò che vedete nella foto, la maggior parte dei ragazzi non indossa la mascherina” scrive “è solo un esempio che si è riprodotto davanti ai tanti luoghi di ritrovo del paese”.

“Questa zona gialla mieterà vittime fra poco e saremo costretti a nuove restrizioni” aggiunge Innamorato, spiegando che “nei giorni scorsi le forze dell’ordine sono riuscite a controllare il paese, date le restrizioni e i divieti. Da stamattina è praticamente impossibile. Giungono segnalazioni di assembramenti da ogni parte del paese per piazze, bar e luoghi periferici. Non è accettabile. Non abbiamo l’esercito e non riusciamo a controllare tutto. Questo deve capire la città”.

Ai giovani che lo accusavano di “essere sceriffo ed eccessivamente rigido”, imputa di non riuscire “a rispettare le regole, a preservare i sacrifici fatti”.

Annuncia per domani la convocazione del Comitato operativo comunale per proporre “un’ordinanza per istituire l’obbligo di consumo di alimenti\bevande esclusivamente al tavolo”.