Bari, chiude il Disney Store in via Sparano: lavoratori annunciano sciopero

A rischio 13 lavoratori. Il colosso americano lascerà la città dopo 20 anni a partire dal 4 ottobre

Un colpo improvviso e inaspettato, da cui dipende la sorte di almeno 13 lavoratori. Il punto vendita Disney Store in via Sparano a Bari chiuderà per sempre a partire dal 3 ottobre. Il negozio abbasserà le saracinesche dopo oltre 20 anni di attività. Ad annunciarlo, la Cgil Puglia in una nota in cui spiega che la multinazionale americana avrebbe deciso di lasciare il capoluogo pugliese a causa di un calo di fatturato basato su parametri e budget decisi “oltreoceano” e dunque lontani, denuncia il sindacato, dalle dinamiche locali e dagli standard dello store di Bari. È probabile, si legge nella stessa nota, che la decisione sia stata influenzata anche dal fatto che i proprietari dell’immobile non siano stati disponibili a trattare sul costo dell’affitto. Si tratta, scrive la Cgil, dell’ennesimo “colpo sferrato al cuore commerciale della città, al salotto di Bari”. Anche perché la vetrina Disney di via Sparano è stata più volte premiata dall’azienda nel corso degli anni, proprio in virtù dei risultati ottenuti e che hanno reso il punto vendita un’icona commerciale per tutta la città. Nella stessa nota, il sindacato tiene a precisare che i vertici dell’azienda non abbiano neppure tentato la strada della trattativa o del confronto con le parti sociali, in modo da poter trovare una soluzione che scongiurasse la peggiore delle ipotesi. E che l’accordo di proroga della cassa in deroga, con causale covid, sia stato sottoscritto a livello nazionale il 10 settembre, senza che il sindacato fosse al corrente della decisione aziendale di chiudere il punto vendita di Bari.

“La Disney Store però – fa sapere la Cgil – non potrà licenziare il suo personale fino al termine del divieto di licenziamento previsto dalla normativa vigente e, pertanto, lo collocherà in cassa integrazione sfruttando le risorse pubbliche del Paese”. “La Cgil, la Filcams e i lavoratori vogliono continuare a credere che qualcosa si possa ancora fare per smuovere le coscienze – si legge ancora nella nota diffusa, che continua – e sperano che valga la pena di investire sul futuro di questo Store, considerati gli ottimi risultati in termini di fatturato che questo punto vendita ha garantito all’azienda fino al 2019”. Proprio i lavoratori del punto vendita di Bari hanno annunciato uno sciopero di tre ore davanti al negozio di via Sparano, dalle 17 alle 20 di sabato 19 settembre.