Sassi di Matera, sfregiate le sculture di Margherita Grasselli

L’artista ha deciso di restaurare le sue sculture mentre il titolare del residence che ospitava le opere ha presentato denuncia ai Carabinieri

 

 

Nonostante l’amarezza, l’artista Margherita Grasselli ha deciso di restaurare le sue sculture prese di mira domenica notte nei Sassi di Matera. Il titolare del residence che ospita le due fanciulle in argilla, Anna e Caterina, invece, ha presentato denuncia ai Carabinieri.

Sono opere donate alla città dopo una prima esposizione nel cuore del Sasso Barisano: piccole e grandi sculture di donne assorte e bambine pensose perfettamente connaturate ai luoghi.

 

 

C’è preoccupazione tra residenti e operatori del centro storico, spesso teatro di atti vandalici e forti schiamazzi.