Bari, Festa della Repubblica: la cerimonia al Sacrario militare

Il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ha deposto la corona d’alloro davanti al monumento nel Sacrario militare

E’ stata una cerimonia intima, come quelle che hanno caratterizzato le celebrazioni in questo durante e post lockdown, quella che si è svolta nel Sacrario Militare a Bari per celebrare il 74esimo anniversario della proclamazione Repubblica Italiana. Il 2 e 3 giugno del 1946 tutto il popolo italiano fu chiamato – in un referendum – a scegliere tra repubblica e monarchia. Con la vincita della repubblica, i padri costituenti iniziarono a scrivere la Costituzione entrata poi in vigore il 1 gennaio del 1948. Alla cerimonia a Bari ha partecipato il ministro per gli affare regionali e autonomia Francesco Boccia, in rappresentanza del Comune di Bari – in quanto il sindaco Antonio Decaro impegnato su Roma, carla palone; il governatore Michele Emiliano e il presidente del consiglio, Mario Loizzo. Il prefetto di Bari, Antonia Bellomo, ha letto pubblicamente la lettera invita dal presidente Sergio Mattarella a tutti i prefetti d’Italia. La lettura è seguita dopo la deposizione da parte del ministro Boccia, della corona davanti all’altare.

Il ministro, infine ha reso gli onori ai caduti, firmando l’Albo d’Onore in memoria dei 75 mila militari italiani, 41mila dei quali ignoti, caduti in terra straniera durante la prima e la seconda guerra mondiale.