Potenza. San Gerardo “omaggia” il simbolo dell’emergenza Covid lucana

A Potenza, Il tempietto di San Gerardo davanti all’ospedale San Carlo su iniziativa dell’associazione Portatori del Santo, dopo l’annullamento dei festeggiamenti, un ringraziamento al presidio sanitario durante l’emergenza Covid-19.

Intanto, su TRMh24 alle 15.45 in onda Omaggio a San Gerardo per celebrare in modo alternativo la festività del capoluogo lucano.

Potenza entra nel vivo delle celebrazioni in onore del patrono San Gerardo: appuntamento tradizionalmente vissuto tra eventi e progetti di comunità, ai tempi del Covid-19 rivoluzionato nella sua forma ma non nella sua essenza.

L’esaltazione del vescovo piacentino vissuto nel 1000 proprio nel capoluogo lucano, non vivrà della Storica Parata dei Turchi del giorno 29 – memoria in costume tra figuranti e simboli identitari per le vie cittadine, sulla leggendaria cacciata dei mori ad opera di Gerardo Della Porta – ed il programma religioso del giorno 30 subirà variazioni di percorso dell’icona sacra e delle reliquie con Santa Messa celebrata all’aperto.
A scandire le giornate, tra le associazioni che concorrono ai festeggiamenti, lunedì 25 maggio, una delegazione dei Portatori del Santo ha “affidato” temporaneamente il tempietto di San Gerardo all’Ospedale San Carlo. Tradizionalmente portata a spalla durante la parata, fino al 28 l’effige è stata posizionata all’esterno dell’ingresso principale, importante per l’intera Basilicata, con invito ai cittadini di cogliere il senso profondo dell’iniziativa ed evitare assembramenti.

Una breve e toccante cerimonia è stata celebrata dal cappellano del nosocomio, alla presenza del Direttore Generale, Massimo Barresi, del sindaco, Mario Guarente, e dell’assessore comunale alla cultura, Stefania D’Ottavio. “In attesa di tornare alla normalità, non potevamo far mancare la nostra presenza in un luogo simbolo dell’emergenza Coronavirus” – ha dichiarato il presidente dell’associazione culturale Portatori del Santo, Gennaro Favale.