Matera: continua la disinfezione, intanto avviata rimozione dei cumuli di legna nei rioni cittadini

Continua a Matera la disinfezione attivata dal Coc (il centro operativo comunale) per arginare l’emergenza coronavirus

Attivate due squadre e utilizzati circa 700 litri di acqua con prodotti certificati specifici per ambienti esterni concordati con l’Asl. Ieri sera è stata toccata alla zona nord della città a partire dal cimitero nuovo di contrada Pantano, in previsione anche delle tumulazioni programmate per oggi.

L’intervento ha riguardato, poi, il quartiere di Serra Rifusa con le fermate degli autobus, la piazzetta e l’accesso alla chiesa. Igienizzati anche il centro commerciale di via Sallustio, sia all’interno che all’esterno, la farmacia, le Poste in via Mattei ed ancora il supermercato della zona mulino Dell’Aqua. Interventi, inoltre, in via Gravina ancora su attività commerciali, alle fermate del bus di via Don Sturzo e alla stazione di Villa Longo.

Le attività si sono poi spostate anche nella zone centrale della città: in piazza Matteotti, con annesse panchine e fermate bus. Interessati dall’operazione anche i borghi Picciano A e Picciano B, Venusio con il centro commerciale e LaMartella Questa sera, a partire dalle 20 e 30, si comincia dalla parte sud del territorio cittadino con Agna le Piane. L’intervento odierno auspicabilmente arriverà fino al palazzo della Provincia in via Lucana e nel quartiere Lanera.

Per quanto riguarda i borghi in giornata si prevede di interessare quello di Timmari. Inoltre, questa mattina, si sta procedendo a rimuovere della legna accatastata nei giorni scorsi in alcuni quartieri in previsione del tradizionale falò di san Giuseppe. Ha contribuito a tutta l’operazione: il Gruppo Volontari per l’Ambiente di Matera ed il Gruppo Lucano di LaMartella.

“Si tratta di una misura necessaria” spiega il primo cittadino “per evitare assembramenti e contenere, quindi, il contagio da virus COVID-19 oltre che per non creare situazioni di pericolo in un momento in cui gli sforzi dei vigili del fuoco e del personale sanitario sono orientati in attività ben più importanti per la comunità”.

Nella serata del 19 marzo saranno disposti controlli serrati e saranno attivati presidi nei rioni per vigilare sul rispetto dei divieto. In caso di inosservanza, scatteranno le sanzioni penali e amministrative previste dal DPCM dell’8 marzo 2020.

Si ricorda inoltre il numero verde per il servizio gratuito di ritiro ingombranti 800370042 oltre che il numero fisso 0835/381846