Potenza, Bucaletto: in Consiglio la delibera di demanializzazione per nuovi lotti

Punto all’ordine del giorno in Consiglio comunale a Potenza la discussione della proposta di delibera relativa alla costruzione di 5 fabbricati per un totale di 70 alloggi e 10 locai a Bucaletto.

Il tema riguarda la sdemanializzazione dell’area 7 e la concessione della stessa all’ATER per l’edificazione di altri alloggi da destinare esclusivamente agli abitanti degli ex container della cittadella.

La proposta su spinta dell’opposizione, prende le mosse dalla necessità di accelerare i tempi considerato che i suddetti immobili rientrano nei finanziamenti dei fondi FESR 2014/20 e che pertanto hanno una data di consegna prestabilita. Il punto ad oggetto prevedrebbe dunque un’accelerata sulla cessione del terreno ad ATER per poi poter iniziare la fase di progettazione e costruzione.

Con la definitiva realizzazione degli stessi circa il 70% degli appartamenti destinati ai residenti di Bucaletto verrebbe ultimato, e così dal lontano 1998 quando il consiglio comunale destinava i primi fondi diretti alla riqualificazione del quartiere potentino, attraverso i programma di recupero urbano, passando poi per il bando nazionale per le città del 2012 e per il più recente bado periferie, fino agli attuali fondi europei PO-FESR, si inizia a risolvere quella che da più voci è definita una vergogna potentina che, post terremoto del 1980, ha visto cittadini risiedere in strutture sempre più fatiscenti e pericolose. Pare dunque che ci sia luce in fondo al tunnel o, per meglio dire, fuori dal container.

[ USB – Ufficio Stampa Basilicata ]