Potenza. Vademecum della Questura contro le truffe

Truffe a danno di anziani e persone sole

Dopo le ultime segnalazioni, a Potenza arriva un Vademecum della Polizia di Stato

La Questura di Potenza mette in guardia dai tentativi di truffa a danno delle persone più anziane. Diverse e variegate, infatti, le segnalazioni riscontrate nel capoluogo lucano. Tra le ultime, nella giornata di giovedì, gli agenti hanno fermato tre soggetti sospetti di origine campana, denunciati per contraffazione mentre in auto trasportavano della merce, quali scarpe e vestiario. Da quanto si è appreso, uno di questi aveva precedenti specifici per truffa ed un foglio di via obbligatorio. Da qui la comunicazione di divulgare un apposito vademecum per sensibilizzare i cittadini con esempi utili a non farsi raggirare.

“Buongiorno signora, sono un amico di suo figlio che mi deve dare dei soldi per l’acquisto di un computer e mi ha detto di passare da lei…” Se qualcuno – ha detto la portavoce della Questura, Francesca Leanza – vi si presenta davanti e vi apostrofa frasi di questo tipo mettetevi subito sulla difensiva perché c’è qualcosa che non va e pensate subito ad una truffa. Si tratta di una delle tante che vengono messe in atto nei confronti proprio di anziani o di persone sole. Negli ultimi tempi anche il telefono rappresenta un possibile rischio. Le vittime di questi raggiri, è emerso, sono soprattutto tra gli ultraottantenni e cadono con più facilità nella trappola.

Nelle prossime settimane la Polizia di Stato fisserà una serie di incontri con i cittadini per sensibilizzare su questo problema. La campagna di informazione e prevenzione ha come obiettivo quello di fornire alcuni elementi preventivi e così riconoscere con più facilità i potenziali truffatori ed evitare il peggio.