Frecciarossa in Basilicata, vicino il rinnovo per il 2018

Possono stare tranquilli i tantissimi lucani che in un anno hanno sperimentato le poltrone del Frecciarossa per viaggiare dalla Basilicata, o meglio da Taranto, fino al nord Europa, perchè l’esperienza del servizio dell’Etr 1000 Mennea continuerà anche per il 2018. Ad annunciarlo è l’assessore ai trasporti della Regione Basilicata, Nicola Benedetto, attraverso una lettera che quest’ultimo ha inviato qualche settimana fa all’amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, chiedendo un incontro per discutere del rinnovo del servizio sperimentale dell’alta velocità avviato in Basilicata lo scorso inverno. Partita l’undici dicembre 2016 la sperimentazione del servizio – nelle intenzioni del governo regionale – doveva durare un anno. E poi man mano rinnovata. Oggi, invece, l’idea della Regione Basilicata è quella di andare avanti, forte dei numeri dei passeggeri che hanno permesso di reggere i costi del servizio. Per sostenere il Frecciarossa, infatti, la Regione deve erogare circa 3 milioni e mezzo di euro l’anno, in condivisione con la Regione Puglia dato che è da Taranto che parte la tratta che passa dalla stazione di Ferrandina e Potenza.Quindi, il successo del servizio dell’Etr 1000 Mennea è dovuto dall’impegno dell’ente Regionale che ha colto al volo l’opportunità di captare una esigenza viva tra la popolazione lucana, possiamo chiamarla anche priorità, ovvero quella di evitare l’isolamento e avere finalmente dietro l’angolo un treno ad alta velocità.