Il deputato Pd Ginefra: “A Valenzano venti passi tra il Comune e un centro scommesse in un immobile confiscato”

L’onorevole democratico denuncia il caso in apertura del congresso locale del partito: “Questa città deve ripartire dalle forze positive”

Prima il Comune sciolto per infiltrazioni mafiose, adesso un centro scommesse aperto in un immobile confiscato alle mafie. La città di Valenzano, alle porte di Bari, resta al centro delle polemiche, così come denunciato anche dal deputato Pd Dario Ginefra.

Un centro scommesse, a venti passi dal Comune, in un immobile che teoricamente sarebbe stato confiscato alla malavita organizzata e che quindi dovrebbe ospitare iniziative di carattere sociale. Succede a Valenzano, alle porte di Bari, dove solo poche settimane fa il consilio comunale è stato sciolto per supposte infiltrazioni mafiose. A denunciarlo il deputato Pd Dario Ginefra, il primo a sollevare il caso della mongolfiera pagata dai boss ed esposta durante la festa patronale di San Rocco dell’anno scorso.

Per Ginefra, che ha parlato in occasione del congresso locale del partito, Valenzano deve ripartire dalle tante forze positive al suo interno per affrontare i 18 mesi di commissariamento prima delle prossime elezioni comunali.