trmtv

Impianti sportivi, Potenza: cittadini uniti per recuperare palazzetto CONI

  • Evento negli anni 60' al CONI di Potenza

    Evento negli anni 60′ al CONI di Potenza

    “Accelerare il recupero del palazzetto CONI”. E’ l’invito avanzato affinché si risolva il degrado della struttura sportiva di Rione Montereale a Potenza. Inaugurato nel 1960 in concomitanza dei Giochi Olimpici di Roma, l’impianto è chiuso da tempo e versa in condizioni di totale abbandono. Una situazione che ha preoccupato i residenti dell’area e le tante generazioni alternatesi nelle varie attività agonistiche di basket, pallavolo, pugilato e karate, unite nel chiedere interventi urgenti.

    Per la sua ubicazione a ridosso del centro storico, il CONI rappresenta ancora oggi il simbolo dello sport in città. Antonio Nicastro – per anni dirigente di basket del capoluogo – è intervenuto ai nostri microfoni per evidenziare le attuali difficoltà dell’immobile, negli ultimi cinque anni esposto a furti ed atti vandalici. “E’ necessario garantire la sicurezza della palestra e permettere la riapertura al pubblico – ha dichiarato – senza particolari fondi economici ma indispensabili per ridare una destinazione d’uso.”

    Ad aprire uno spiraglio, l’operazione dello scorso giugno con cui il consiglio di amministrazione del Comitato Olimpico Nazionale Italiano ha approvato la permuta di cessione al Comune di Potenza, divenendo a sua volta proprietario dell’impianto di tennis di via Racioppi. Decisione che ha fatto tirare un sospiro di sollievo, in attesa però che inizi una seria programmazione da parte del palazzo di città.

    Exit mobile version