Policlinico Foggia: “Ricavi cresciuti di 68,4 milioni dal 2019”

Dal 2019 al 2023 i ricavi del policlinico di Foggia sono passati da 257,8 a 326,2 milioni di euro, con un incremento annuo dell’8,2 per cento e con un aumento complessivo di 68,4 milioni. Le prestazioni sanitarie sono cresciute di 30,2 milioni, sempre dal 2019 al 2023, con un forte incremento delle prestazioni ambulatoriali e della complessità dei ricoveri. Sono alcune delle cifre illustrate dal direttore generale del policlinico Giuseppe Pasqualone nel corso della conferenza di servizi.

Cinque le aree della programmazione 2024 in cui il Policlinico intende proseguire il proprio percorso di crescita: innovazione tecnologica, digitalizzazione, ampliamento dell’offerta sanitaria, miglioramento degli standard qualitativi, riorganizzazione aziendale.

“Il nostro obiettivo – ha detto Pasqualone – è dare risposte di salute ai cittadini e rappresentare un punto di riferimento nella sanità regionale grazie anche alla proficua e intensa sinergia con l’università di Foggia”. “Negli ultimi anni – ha aggiunto – abbiamo affrontato situazioni imprevedibili: il 2020 e 2021 della pandemia, il 2022 caratterizzato dall’aumento dei costi dell’energia elettrica e del gas e il 2023 segnato dall’aumento vertiginoso dell’inflazione”.

Sull’ampliamento dell’offerta sanitaria si è soffermato il direttore sanitario Leonardo Miscio: “I posti letto – ha sottolineato – passeranno da 775 a 977, come previsto da un protocollo d’intesa tra Regione e Università di Foggia.

Attiveremo una struttura di Cardiochirurgia e una di Chirurgia epatobiliare-pancreatica e riprenderemo i trapianti di rene. Fiore all’occhiello del Policlinico sarà anche il centro di procreazione medicalmente assistita che passerà dal primo al terzo livello per garantire interventi più complessi e soddisfare un bisogno sanitario fortemente sentito dalle coppie”.