In Basilicata, oltre 26mila studenti si uniscono per ricordare la Shoah con Moni Ovadia

Un Tributo a Sophie e Hans Scholl nel 79° Anniversario della Commemorazione dell’Olocausto

Il 27 gennaio, in occasione del 79° anniversario delle vittime dell’Olocausto, le Consulte Studentesche della Basilicata hanno indetto una giornata storica di riflessione e memoria, coinvolgendo 26.757 studenti della regione.

Quest’anno, l’evento ha come focus il “Movimento studentesco della Rosa Bianca”, fondato dai fratelli tedeschi Hans e Sophie Scholl, studenti dell’Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera, noti per il loro coraggioso impegno contro il nazismo.

Nell’intento di commemorare questi eroi della resistenza, ogni istituto scolastico della regione ha riservato un posto speciale per una rosa bianca, simbolo di purezza e di resistenza, nelle proprie sedi. In aggiunta, è stato organizzato un momento collettivo di ricordo online, dalle 11:00 alle 11:30, esclusivamente per la comunità studentesca lucana, con l’eccezionale partecipazione di Moni Ovadia, figura di spicco nella cultura e nella memoria dell’Olocausto.

Questo evento, promosso dalle Consulte Studentesche della Basilicata, rappresenta un’occasione unica per riflettere sull’importanza della memoria storica e sull’orrore della Shoah. Simone Carcuro, Presidente delle Consulte Studentesche della Basilicata, sottolinea la responsabilità delle nuove generazioni nel mantenere vivo il ricordo di queste tragedie, in un periodo in cui gli ultimi testimoni diretti cominciano a mancare.