Da domani stop alla pesca dei ricci nei mari pugliesi per 3 anni

Da domani scatta il fermo sulla pesca dei ricci nei mari pugliesi per i prossimi tre anni. Lo sottolinea il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo de La Puglia Domani ricordando che la proposta di legge è stata approvata lo scorso 28 marzo dal Consiglio regionale ed è stata pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione lo scorso 20 aprile, quindi ha efficacia a partire dal 5 maggio.
“Si chiude così il cerchio di un iter complesso, partito dalla mia proposta di legge condivisa con pescatori, ricercatori e ambientalisti, ben accolta da tutti coloro che amano il mare e la natura, e sottoscritta dal presidente Emiliano e da 49 consiglieri regionali”, ha commentato Pagliaro.
Il divieto di pescare i ricci nei nostri mari è stato ritenuto necessario per consentire il ripopolamento dei fondali a rischio desertificazione a causa del prelievo massiccio degli ultimi anni. Non è sufficiente il periodo di fermo biologico nei mesi di maggio e giugno, ma è stato quantificato in tre anni lo stop per lasciare ai ricci tempo e modo per riprodursi.
“Da alimento per pochi – ha aggiunto Pagliaro – il riccio di mare è diventato una moda gastronomica sempre più diffusa, alimentando un mercato ormai fuori controllo. Per un solo piatto di spaghetti con ricci di mare ne servono almeno 25 esemplari, e non è stata più rispettata neppure la taglia minima consentita per il prelievo: sette centimetri di diametro”. La legge non vieta tuttavia di commercializzare ricci di provenienza extra regionale, ma solo la pesca.