Salute nelle carceri pugliesi, torna a riunirsi il tavolo regionale

È tornato a riunirsi il tavolo tecnico sul tema della salute all’interno delle carceri pugliesi. Tante le questioni affrontate, a partire dalla carenza di personale medico e infermieristico. Nel carcere di Lucera per esempio, l’assistenza psichiatrica si riduce a sole due ore settimanali. L’assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese, ha riferito al tavolo della recente deliberazione dell’Asl Bari sui lavori di ristrutturazione del reparto di medicina protetta all’interno dell’ospedale San Paolo; della realizzazione di una nuova Rems; di un progetto di fattibilità in corso per digitalizzare gli Istituti penitenziari per consentire prestazioni a distanza come elettrocardiogrammi, analisi, ecografie e radiografie.

La Presidente del Consiglio regionale pugliese Loredana Capone, inoltre, si è impegnata a farsi promotrice, al Ministero della Giustizia, delle iniziative necessarie a sollecitare risorse finanziarie per l’edilizia giudiziaria e penitenziaria pugliese. Nel Piano nazionale per la Ripresa e la Resilienza, infatti, 58 sono gli interventi previsti per un totale di 540 milioni di euro ma la Puglia non c’è.