La Regione Basilicata diffonde il sondaggio di gradimento di EMG sulle compensazioni ambientali

Scarica il file PDF con il sondaggio completo (Link)

“L’accordo sulle compensazioni ambientali appena stipulato tra la Regione Basilicata e le compagnie petrolifere Shell e Eni è stato, in generale, molto gradito dalla popolazione lucana (quasi 8 lucani su 10 danno un giudizio positivo – 77%) che ne ha accolto i molti aspetti sempre in modo positivo (gradimento sempre al di sopra del 60%) in particolare:

  • l’idea che ci sia la capacità di poter ridurre le bollette (81% giudizi positivi)
  • il fatto che verranno destinati 200 milioni alle imprese del territorio (78% giudizi positivi)
  • l’utilizzo di parte delle risorse per progetti ‘no oil’ (77% giudizi positivi)
  • che la Basilicata riceverà 1,3 miliardi in 10 anni dalle compagnie petrolifere (75% giudizi positivi)
  • il maggior stanziamento di risorse rispetto al passato in favore della regione (74% giudizi positivi) e in minor misura che le compagnie petrolifere potranno estrarre in Basilicata per altri 10 anni (68%)

Tutto questo si traduce nel fatto che per ben 8 lucani su 10 questo accordo sarà fondamentale per i costi in bolletta: c’è l’idea infatti, per 4 lucani su 10, che le bollette diminuiranno e per altri 4 lucani su 10 che almeno i prezzi rimarranno invariati; quindi una valutazione decisamente positiva su quanto è stato fatto per la salvaguardia delle tasche dei cittadini lucani”.

Lo afferma in una nota Fabrizio Masia, Amministratore delegato di EMG, illustrando il sondaggio commissionato dall’ufficio stampa e comunicazione della Regione Basilicata.