Guerra in Ucraina. Profughi accolti nel Tarantino

Dalle case, ai trasporti: la macchina dell’accoglienza in Puglia, a sostegno del popolo ucraino in fuga dalla guerra, non si ferma. E le ultime iniziative arrivano dal Tarantino dove, nelle scorse ore, sono arrivati diversi nuclei famigliari. Oltre all’accoglienza in se e al supporto sanitario, arrivano anche le iniziative legati al trasporti: a Taranto, infatti, sono stati attivati abbonamenti gratuiti per i mezzi, che permetteranno ai profughi della guerra di muoversi liberamente.

Gli ultimi arrivati sono quelli a Grottaglie: qui 35 persone, tra le quali anche anziani e bambini, sono arrivati a bordo di un autobus e accolti nelle sale della parrocchia “Madonna del Rosario”. Tra di loro anche 5 professori.

A Martina Franca, invece, sono stati consegnati i primi alloggi grazie alla disponibilità e alla generosità di alcuni cittadini. La temporanea sistemazione è stata individuata per due nuclei familiari, dei quali uno formato da due persone e uno da cinque persone.

La consegna delle prime case è avvenuta a conclusione dell’istruttoria per l’individuazione degli immobili fra quelli messi a disposizione da privati. Sono 134 i cittadini che, aderendo all’avviso pubblico del Comune, hanno anche messo a disposizione le loro abitazioni di residenza e immobili autonomi per ospitare momentaneamente i profughi ucraini.

Infine i profughi di guerra ucraini possono viaggiare gratuitamente sugli autobus di Kyma Mobilità Amat spostandosi liberamente in città.

L’azienda, infatti, sta emettendo a loro favore abbonamenti di libera circolazione sugli autobus a titolo gratuito, validi nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno.

Per ottenerli devono recarsi presso l’Ufficio vendite dell’azienda presentando la documentazione che attesti il loro status di rifugiato di guerra: il permesso di soggiorno provvisorio con data successiva al 24 febbraio scorso e il passaporto ucraino, o, in alternativa, l’idonea attestazione rilasciata dalla Prefettura o dalla Questura di Taranto.