A Taranto la seconda tappa del festival “Mare d’Inchiostro” per riflettere sul ruolo strategico della Puglia nel Mediterraneo

La Puglia si conferma porta d’Oriente oltre che punto nevralgico per raggiungere il cuore del mar Mediterraneo. A ribadirlo, il politologo e direttore della rivista Limes Lucio Caracciolo ed Enrico Credendino, capo di Stato Maggiore della Marina Militare. Entrambi oggi a Taranto per il festival “Mare d’Inchiostro” che ha visto anche una tappa barese e che ha avuto come punti fondamentali di discussione il ruolo strategico dell’Italia in questo delicato momento storico.

Infatti, nel corso dell’incontro tarantino che si è svolto a bordo della portaerei Cavour, non si è potuto fare a meno di parlare del conflitto in Ucraina e del ruolo che il nostro Paese svolge all’interno della Nato.