Emergenza incendi e amministratori minacciati nel dossier del Viminale

Ferragosto di lavoro per il ministro dell’interno Luciana Lamorgese che per dare un forte “segnale di attenzione alle comunità locali e di tutto il Mezzogiorno” ha tenuto il tradizionale Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica in Sicilia collegandosi con le sale operative locali. Presentato per l’occasione il dossier sui risultati di un anno di attività del Viminale.

Ferragosto di lavoro per il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese che ha presieduto dalla Prefettura di Palermo, il Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica collegandosi in videoconferenza con alcune delle sale operative italiane per rivolgere il ringraziamento a tutto il personale impegnato per garantire la sicurezza. La scelta del capoluogo siciliano per dare un forte “segnale di attenzione alle comunità locali e di tutto il Mezzogiorno”.

Nel corso della conferenza stampa seguita all’incontro è stato diffuso il dossier sui risultati di un anno di attività del ministero dell’Interno, relativo al periodo 1° agosto 2020 – 31 luglio 2021.

In particolare per la Puglia è allarmante il dato relativo agli atti intimidatori contro gli amministratori locali, sono ben 35 gli episodi registrati nel primo semestre di quest’anno (il 9,5 per cento sul totale nazionale, ovvero 369 minacce in tutto) che pongono la regione pugliese al 4° posto in Italia, subito doo Campania e Sicilia.

Ma nel report figurano anche i dati relativi agli interventi, in particolare dei Vigili del Fuoco, sugli incendi che stanno ancora mettendo a dura prova tutto il Paese.

Da agosto 2020 a luglio scorso i vigili del fuoco sono intervenuti in più di 100mila (104.176 casi) di incendi di vegetazione. E infatti quella di ferragosto è stata una
ancora una giornata “estremamente impegnativa” per gli equipaggi dei Canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, impegnati nelle operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi: 44 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro operativo aereo unificato del Dipartimento, di cui ben 3 dalla Basilicata.

“Al momento nonostante l’impiego di tutta la flotta” rileva la Protezione Civile “a sei roghi non è stato possibile assegnare mezzi aerei e le operazioni stanno procedendo via terra”

Per la ministro Lamorgese “Non ci sono evidenze di una regia occulta che lega i roghi che sono scoppiati in varie regioni” ma “certamente occorre una cultura volta a preservare l’ambiente e il territorio”.