Università: in Puglia un ponte per favorire l’inclusione nel mondo del lavoro di laureati con disabilità

Creare un ponte tra l’Università e il mondo del lavoro per favorire l’inclusione. E’ l’obiettivo del convegno in programma il prossimo 25 ottobre. L’evento, promosso dalla Conferenza nazionale universitaria dei delegati dei Rettori per studenti con disabilità e Dsa-Disturbi dell’apprendimento (Cnudd), è organizzato dalle cinque università pugliesi: Politecnico di Bari, Università degli Studi di Bari, Università del Salento, Università di Foggia, Università Lum. “Il convegno – sostiene Floriano Scioscia, docente del Poliba, delegato del rettore alla integrazione per le persone diversamente abili – intende evidenziare che l’inclusione lavorativa dei laureati con disabilità e Dsa non è solo un indicatore di responsabilità sociale, ma un’autentica opportunità di sviluppo. Per questa ragione si invitano ad inviare i propri contributi di ricerca e di esperienza non solo i rappresentanti del mondo accademico, ma anche delle Imprese, delle Amministrazioni pubbliche e delle organizzazioni del Terzo Settore. Queste realtà, ciascuna con il proprio ruolo e le proprie competenze, possono collaborare per porre al centro dell’attenzione il valore del lavoro dignitoso, per tutte e tutti”. Le organizzazioni pubbliche e private possono presentare, entro il 30 giugno prossimo, ricerche teoriche, empiriche ed esperienze nazionali e internazionali di inclusione. Gli abstract devono avere lunghezza massima di 500 parole e devono essere inviati all’indirizzo e-mail convegnocnudd2021@unifg.it. I contributi saranno selezionati da un comitato scientifico. E’ prevista la pubblicazione degli atti in un apposito volume. Il convegno sarà realizzato a distanza e la partecipazione sarà gratuita. Le aree tematiche delle sessioni del convegno e il modulo per l’invio delle proposte sono disponibili su ‘convegnocnudd2021.unifg.it/’.