Povertà. Caritas Potenza lancia l’allarme: fenomeno endemico

L’emergenza Covid ha creato una crisi economica e sociale senza precedenti. E’ quanto emerge dal report 2020 della Caritas Diocesana di Potenza. Intitolato “In Bilico” è stato presentato presso il Centro Pastorale di Tito con intervento anche del governatore lucano Bardi.

Un tessuto sociale già fragile prima dell’emergenza Covid, ormai stravolto e con la povertà divenuta endemica. A dirlo è il report 2020 della Caritas Diocesana di Potenza, Muro Lucano, Marsico Nuovo, non a caso intitolato “In Bilico”: all’interno storie e bisogni complessi, raccolti nell’ultimo anno durante vere e proprie ondate presso i 23 centri di ascolto sul territorio. La presentazione è avvenuta presso il Centro Pastorale di Tito.
In dettaglio, a farsi avanti precari, lavoratori dipendenti e autonomi, quest’ultimi più del 50% già indebitati prima della pandemia. Registrati incrementi d’aiuto del 101,7% rispetto al 2019, preoccupante come la metà non lo abbia mai fatto prima. Il 91% delle persone ascoltate sono italiane con crollo verticale degli extracomunitari, la maggior parte famiglie monoreddito e donne sole. Ed ancora, circa il 23% di loro nella fascia tra 35 e 44 anni, mentre i ventenni superano il 10% ed il 4,8% è laureato. Coinvolto sia chi ha un impiego regolare ed il sottobosco del lavoro nero soprattutto nei piccoli centri, non più integrazione al reddito ma divenuto fenomeno strutturale. Non solo cibo, tra i problemi intercettati e sostenuti vi sono il pagamento delle bollette, bisogno abitativo e aiuti alle imprese, grazie alla disponibilità di oltre 400 mila, incluso il fondo straordinario “Cantiere di Fraternità” istituito nel maggio 2020.

Obiettivo dell’evento – è emerso a più voci – far emergere la sensibilità dei dati e costruire nuovi percorsi di assistenza interistituzionale. Intervenuti tra gli altri, dell’Arcivescovo metropolita Salvatore Ligorio, sindaci ed il governatore lucano Vito Bardi.