Covid, Regione Puglia stanzia 3,5 milioni per gli operatori della Cultura

Presto nuove risorse per la Cultura in Puglia. Il governo regionale ha approvato l’assegnazione di 3 milioni e mezzo di euro in favore degli operatori culturali locali, danneggiati fortemente dall’emergenza sanitaria. Il bando “Custodiamo la Cultura in Puglia” è rivolto alle imprese dello spettacolo dal vivo che siano diverse dalle fondazioni lirico-sinfoniche. Un intero comparto fermo da mesi, con ricadute importanti sull’intero sistema economico regionale. “La delibera presentata di comune accordo con il vicepresidente Raffaele Piemontese, – spiega Massimo Bray, assessore regionale alla Cultura – ha come obiettivi primari la tutela dell’occupazione e la garanzia della continuità progettuale per le realtà territoriali d’eccellenza nell’ambito degli spettacoli dal vivo.

La Regione Puglia, in linea con le strategie del ministero della Cultura, intende con questa misura sostenere le produzioni artistiche e la loro programmazione”. “Un impegno dovuto – conclude l’assessore – per un settore che, come molti altri, risulta essere stato drammaticamente vessato dalle conseguenze della pandemia”. Le nuove risorse a disposizione per lo spettacolo non sono solo un modo per ristorare dalle perdite ma anche un impulso per il futuro imminente. I fondi, conclude Bray, sono “una misura essenziale per sostenere la ripartenza del comparto dello spettacolo dal vivo in vista delle riaperture”.