Basilicata, l’appello di Bardi agli studenti: “Sarà un anno diverso. Importante rispettare le regole”

Un primo giorno di scuola diverso. Per chi farà la prima elementare, un approccio senz’altro anomalo. Per gli altri, una chiamata ad adeguarsi alle nuove norme. Quelle dettate dai protocolli anticovid. La Basilicata è tra le regioni che hanno deciso di iniziare dieci giorni dopo rispetto al resto di Italia. E agli alunni giunge l’augurio del governatore regionale Bardi per il nuovo anno scolastico. Questo “Sarà un anno diverso dal solito. La pandemia che ha interrotto bruscamente le lezioni lo scorso anno non è ancora finita. Per questo – spiega – abbiamo usato tutte le precauzioni per dare la possibilità all’intero mondo della scuola, dagli studenti, agli insegnanti, ai collaboratori amministrativi e a tutti quanti ne fanno parte, la possibilità di lavorare e studiare in tranquillità. Ma – sottolinea il presidente – serve cambiare alcune abitudini”. “Dobbiamo seguire le norme. Evitare assembramenti, disinfettare spesso le mani, portare la mascherina”. “Dopo la decisione del Governo e del Ministro all’Istruzione di dotare tutte le scuole italiane di banchi monoposto,  – aggiunge poi l’assessore alle Attività Produttive con delega all’Istruzione Francesco Cupparo – utilizzaremo il fondo di 6 milioni derivanti dalle royalties del petrolio, non più per i banchi ma per dotare gli istituti scolastici di più idonee attrezzature e strumentazioni. In base alle richieste già inviate dai dirigenti scolastici, gli uffici dipartimentali stanno quantificato gli importi. I fondi saranno quindi inviati ai Comuni che sono vincolati all’utilizzo esclusivo delle esigenze primarie delle scuole”. Si sta procedendo intanto alla sanificazione delle scuole, soprattutto quelle che hanno ospitate i seggi per le ultime elezioni.