Bari, riaprono le biblioteche dell’Università di Bari dopo il lockdown: capienza ridotta a un terzo

Ad annunciarlo Stefano Bronzini, rettore dell’ateneo barese, nel corso della cerimonia di consegna simbolica delle pergamene a 23 studenti laureati durante la quarantena

 

Riaprono le porte delle biblioteche dell’Università di Bari. La riapertura è prevista dal 9 luglio, seppur con una capienza ridotta a un terzo. La decisione, che segna un passo avanti nell’uscita graduale dall’emergenza covid, è stata annunciata dal rettore dell’ateneo barese, Stefano Bronzini, nel corso della cerimonia di consegna simbolica delle pergamene a 23 studenti laureati durante la quarantena.

 

Le aule, saranno dunque a disposizione di chi ha bisogno di studiare o preparare tesi e ricerche: “E’ sicuramente un passo in avanti importante – commenta Savino Ingannamorte, coordinatore di link Bari -, frutto dell’ascolto di istanze della comunità studentesca. Sebbene al momento non sia ancora possibile il rientro al 100% continueremo a lavorare in quella direzione provando ad adibire anche le piazze ad aule studio all’aria aperta. Non ci fermiamo qua: qualche giorno fa abbiamo formalizzato una richiesta indirizzata al Comune di Bari per costruire un progetto di ripensamento della città e degli spazi baresi che guardi ai luoghi della socialità anche e soprattutto in ottica studentesca”.