Fase 2, aeroporto Bari: in arrivo da Sofia il primo volo internazionale

58 i passeggeri in arrivo in Italia, 77 quelli in partenza

 

L’aeroporto di Bari torna a vivere. Almeno per oggi, con il primo volo internazionale, dopo lo stop dovuto all’emergenza sanitaria. Un aereo della compagnia WizzAir proveniente da Sofia è atterrato nel primo pomeriggio sulla pista del Karol Woytila. A bordo, 58 passeggeri, perlopiù bulgari in arrivo per motivi di lavoro, ma anche italiani che rientrano a casa dopo due mesi.

Per venire in Italia, infatti, sono ammesse ancora solo ragioni di comprovata esigenza.

Contratto di lavoro alla mano, dunque, e ovviamente temperatura corporea nella norma. Tutti dovranno ora attenersi a un periodo di quarantena. Solo dal 3 giugno, con l’apertura delle frontiere europee, tra i motivi per viaggiare potrà esserci anche il turismo.

Per 58 passeggeri che arrivano, 77 sono già in partenza, sempre alla volta della Bulgaria e sempre sullo stesso velivolo. I parenti intanto aspettano che tutto vada liscio, perché in questi tempi non si sa mai: basta poco per restare a terra.

Nei prossimi giorni ci saranno altri voli, nella speranza che presto si possa tornare a viaggiare a pieno ritmo e che l’aeroporto torni ad essere crocevia di popoli e culture.