Rifiuti a Potenza. De Luca: trasparenza e risanamento. Lobby contro, se cado mi ricandido

“Lobby lavorano contro per farmi cadere prima del tempo, nel caso mi ricandiderò”. Messaggio politico e di sostanza da parte del sindaco di Potenza, Dario De Luca, nel corso di una conferenza stampa convocata per spiegare il lavoro in tema di rifiuti portato avanti insieme all’azienda municipalizzata ACTA e smentire le accuse di scarsa trasparenza e cattiva gestione lanciate da alcuni consiglieri comunali di centrosinistra.

“Gli stessi – ha dichiarato insieme all’Assessore all’Ambiente, Coviello, ed il presidente del Cda di ACTA, Spera – che difendevano il sistema Cotrab sul trasporto pubblico locale, causa principale del dissesto.” Notizia di questi giorni, confermata l’acquisizione di documenti da parte delle forze dell’ordine nell’ambito di una inchiesta sulla passata gestione dei rifiuti in città.

Secondo il governo del capoluogo “c’è un livello di soddisfazione del servizio tangibile tra i cittadini, non solo sulla raccolta dei rifiuti ma anche sulla pulizia degli spazi urbani. A sostegno, esposti gli ultimi numeri che di recente hanno portato all’ottenimento del premio nazionale di migliore Start Up 2017 tra i Comuni Ricicloni: in un anno, rispetto a maggio 2016 – è emerso – vengono conferite in discarica quasi mille tonnellate in meno di rifiuti al mese, sono state affrontate emergenze come nel caso della neve attraverso un coordinamento di mezzi e uomini senza precedenti, l’operazione “Potenza città pulita” ha coperto un’area di 65 mila metri quadri con spazzamento su strada e bonifica straordinaria, certificato con i sindacati il servizio notturno di raccolta dei rifiuti e prossimamente si procederà ad un bando pubblico, assente dal 1999, per l’assunzione di personale.

Già preannunciato, da lunedì 24 luglio il servizio di raccolta differenziata sarà esteso a viale Marconi e via Vaccaro per circa un migliaio di utenze e 3 mila residenti. A settembre, invece, sarà coperto il 73% del territorio potentino.