Sopralluogo all’Itrec di Rotondella, con Berlinguer giornalisti e associazioni ambientaliste lucane

Aldo Berlinguer durante il sopralluogo all'Itrec

Aldo Berlinguer durante il sopralluogo all’Itrec

Un sopralluogo chiesto dall’assessore regionale all’Ambiente Aldo Berlinguer per dar seguito ai lavori del tavolo di trasparenza, allargato a comitati, associazioni, amministratori e organi di stampa: l’impianto Itrec di Rotondella apre così le porte in una visita per spiegare le attività in itinere, la sicurezza degli impianti, l’allontanamento del combustibile nucleare esaurito, la decontaminazione, e la gestione e messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi.

Attivo dagli anni Sessanta, l’impianto è attualmente gestito dalla Sogin. Presenti, al sopralluogo, anche i vertici dell’Ispra e dell’Arpab.

Sono stati essenzialmente quattro i siti visitati: la bonifica del deposito interrato (la cosidetta Fossa 7.1), un monolite di circa 8 metri di altezza; l’impianto di cementazione del prodotto finito e annesso a deposito temporaneo, la sistemazione a secco del combustibile Elk-River, le famose barre arrivate dall’America in Italia negli anni Settanta e i depositi temporanei di rifiuti radioattivi.