Alimentare, assessore lucano Ottati: puntare su aggregazione produttori olio.

OLIO:50 ANNI FA NASCE L'EXTRAVERGINE PRINCIPE MADE ITALYMatera – “La partecipazione della Basilicata oleicola a Olio Officina Food Festival di Milano ci ha confermato l’importanza del comparto olivicolo e la necessità di puntare sull’aggregazione tra i produttori per fare massa critica oltre che sulle politiche integrate che facciano convergere sviluppo rurale, turismo, ambiente e paesaggio”. Lo ha detto l’assessore regionale all’agricoltura, Michele Ottati, a conclusione dell’evento internazionale sull’olio che si è svolto nei giorni scorsi a Milano e al quale la Basilicata ha partecipato con 20 aziende olivicole selezionate. “La nostra presenza alla manifestazione – ha aggiunto l’assessore – nella quale si sono svolti convegni e seminari di aggiornamento ha rappresentato un momento per svolgere una riflessione sul comparto. In proposito la campagna in corso, sicuramente negativa, può essere un punto di partenza nuovo teso ad esaminare i limiti della nostra olivicoltura. Essa, infatti, troppo spesso si basa su aziende non condotte in maniera imprenditoriale ma amatoriale. La Regione Basilicata in proposito ha approvato un disegno di legge che intende ammodernare il settore ma gli imprenditori dovranno anche impegnarsi a realizzare qualità e unione tra loro, unico modo per usufruire dei finanziamenti europei, abbattere i costi di produzione e presentarsi sui mercati con un’adeguata massa critica. E’ questa la soluzione, confermata a Milano da tecnici e studiosi, per dare nuova forza all’olivicoltura italiana e affrontare l’accanita concorrenza dei Paesi emergenti e della Grande distribuzione organizzata. A tali linee di azione – ha concluso Ottati – daremo priorità nelle misure e nei bandi del prossimo Programma di sviluppo rurale”.