Riunione in Regione su monitoraggio area industriale Pisticci Scalo

Tavolo TecnoparcoPOTENZA – Si riunirà martedì prossimo, presso il Dipartimento Ambiente, il tavolo tecnico sulla sicurezza ambientale per i residenti e i lavoratori dell’area industriale di Pisticci Scalo.

Composto da Regione, Comune di Pisticci, Arpab, Consorzio Asi Matera, Tecnoparco e gli altri soggetti competenti – ha annunciato il presidente della Regione Marcello Pittella al termine della riunione di ieri convocata tempestivamente per fare il punto della situazione e dare risposte concrete a cittadini e istituzioni locali anche in seguito alle forti preoccupazioni determinate dalla perdurante emissione di cattivi odori – “avrà il compito di elaborare un fittissimo cronoprogramma necessario a completare tempestivamente la copertura delle vasche ancora scoperte all’interno dell’impianto di trattamento di Tecnoparco Valbasento, potenziare le attrezzature tecnologicamente avanzate per il monitoraggio di aria e suolo.

La Regione – ha sottolineato Pittella – assicura sia l’impegno diretto dei Dipartimenti interessati che lo stanziamento delle risorse economiche necessarie a garantire la salute e la vivibilità dei cittadini e dei lavoratori dell’area”.

Alla riunione di ieri hanno partecipato, tra gli altri, oltre al presidente Pittella, gli assessori Aldo Berlinguer e Raffaele Liberali, i consiglieri regionali Roberto Cifarelli e Francesco Pietrantuono, il sindaco e l’assessore all’Ambiente di Pisticci Vito Di Trani e e Domenico Grieco, il direttore di Arpab Raffaele Vita, i il presidente e l’amministratore delegato di Tecnoparco Nicola Savino e Michele Somma, il commissario straordinario del Consorzio Asi Matera Gaetano Santarsia.

Arpab, Tecnoparco e Consorzio Asi hanno illustrato, attraverso i propri rappresentanti, le azioni attivate, tra le quali l’installazione di 8 nasi elettronici e la copertura effettuata di alcune vasche e i risultati dei monitoraggi effettuati.

Il sindaco di Pisticci, Di Trani, ha espresso le sue forti preoccupazioni, anche in seguito ai recentissimi episodi di forti emissioni maleodoranti, sui rischi per la salute e la qualità della vita dei cittadini, per l’ordine pubblico, e chiesto di bloccare a scopo cautelativo, fino al completamento dei lavori di copertura delle vasche dell’impianto di depurazione, il transito dei camion che trasportano i reflui della lavorazione petrolifera provenienti dalla Val d’Agri.

L’assessore all’Ambiente Aldo Berlinguer, che ha coordinato i lavori dell’incontro, ha detto che “bisogna rassicurare le persone che hanno diritto di vivere in un ambiente salubre, distinguere tra emissioni che nuocciono alla salute da quelle che provocano solo fastidi olfattivi ma che a tratti rendono quasi impossibile la convivenza tra aree residenziali civili e area industriale. Bisogna affrontare e risolvere le urgenze – ha sottolineato – in attesa della realizzazione dei lavori generali di bonifica dell’area Sin Val Basento”.