I lucani in Svizzera in tour per la Basilicata. Ticchio: “Vogliamo far conoscere la nostra terra”

BrienzaBRIENZA – Sette giorni in giro per la Basilicata, tra il Materano, la Val D’Agri e il Pollino. Sette giorni per recuperare odori, sensazioni e memorie della propria terra, quella delle radici. Questa è la settimana dei lucani residenti in Svizzera, che resteranno fino al 3 in Basilicata e che ieri hanno fatto tappa nel piccolo borgo di Brienza.

Antonio, Rosa, Giuseppe – questi solo alcuni del gruppo dei 18 – sono accompagnati da amici di altre nazionalità. “Il nostro intento – ha detto Giyseppe Ticchio, responsabile dello Sportello Basilicata in Svizzera- è quello di far conoscere la nostra terra, ricca e bella”.

Il tour di questi giorni anticipa la riunione della Commissione dei Lucani all’Estero, prevista a Matera il 21 – 22 maggio, che sarà l’occasione – ha continuato Ticchio – “per avanzare proposte alle amministrazioni, affinché sia per noi sempre più facile venire in Basilicata e restarci il più possibile”. Intanto ieri, a Brienza, i lucani – svizzeri hanno visitato il Castello Caracciolo. Sono un serbatoio di emozioni, di progetti e di idee che mostrano un attaccamento alla Basilicata e un forte orgoglio lucano.