La vertenza Ferrosud e il paradosso

Schermata 2013-07-18 alle 11.02.38MATERA – Vertenza Ferrosud. Servono investimenti in nuove risorse economiche, come è stato dichiarato in sede regionale con la presentazione del nuovo piano industriale. È questo quanto avevano ribadito le organizzazioni sindacali alla vigilia della mobilitazione, che ha avuto luogo in mattinata, davanti ai cancelli dello stabilimento materano. Stato di agitazione motivato anche da quella che Cgil, Cisl e Uil avevano definito una espressione di inaffidabilità e di incapacità da parte dell’azienda. I lavoratori e le organizzazioni sindacali, è stato sottolineato questa mattina, sono preoccupati, per una situazione che appare ancora poco chiara. Si riparte dunque dal rispetto del piano di rilancio, aspetto sul quale è atteso un confronto diretto con le parti industriali, per salvaguardare l’unità produttiva e le 140 famiglie che ad essa fanno riferimento. Lo stato di agitazione allo Ferrosud è stato sospeso, ma non revocato, dopo la notizia della convocazione di un incontro con l’azienda il prossimo 10 settembre in Confindustria, a Matera, per fare chiarezza sugli investimenti nello stabilmento. Analisi e interviste nel video riportato nella pagina.