Quando nei cieli di Castelmezzano e Pietrapertosa volano insieme uomini “angelo”, falchi e cicogne nere

La Cicogna nera

La Cicogna nera

Volano le cicogne nere, ma volano anche gli uomini tra i picchi delle Dolomiti Lucane nei territori mozzafiato di Pietrapertosa e Castelmezzano.

Orbene, quella che sembrava una coesistenza pacifica per effetto delle posizioni assunte da alcune associazioni animaliste si sta trasformando in un braccio di ferro che fa sorridere, ma che indispettisce anche un po’.

Fondo mondiale per la natura, Lega per la protezione degli uccelli e da ultima Città Plurale ritengono che quello spazio areo lungo il quale scorre il cavo d’acciaio che assicura un’escursione volante a 80 chilometri orari per poco meno di due minuti per osservare il territorio da una prospettiva diversa, almeno fino al 31 maggio debba essere di esclusivo dominio della fauna alata che popola la zona tra cui primeggiano cicogne nere e falco pellegrino.

Mantenere cioè nel parco il silenzio totale in modo da permettere a quelle specie di nidificare senza problemi.

Quindi, fermare crescita e sviluppo dell’area per un mese. E qui si inalberano gli inventori del “Volo dell’Angelo”, dopo i Sassi di Matera, uno tra i più consistenti attrattori turistici della Basilicata forte in sei anni di cinquantamila presenze.

Senza considerare che per far muovere quei cavi sono al lavoro una ventina di addetti con quel che deriva per l’economia dell’area che altrimenti vivrebbe come tante altre realtà lucane tra mancato sviluppo e, quindi, emigrazione.

Oltretutto, chi la vita del parco delle Piccole Dolomiti Lucane è pronto a dimostrare, immagini alla mano, che cicogne nere e falchi pellegrini convivono senza problemi a stretto contatto con quegli uomini dalle sembianze di uccelli.

In conclusione, ben vengano le battaglie animaliste quando l’oggetto è quello della prioritaria difesa della fauna, ma quando certe posizioni cozzano contro la logica ed il buon senso, allora diventa difficile farsi portavoce della serenità di implumi uccellini o di mamme con le ali, anche perchè a ben vedere in gioco ci sono presente e futuro di due comunità, quelle di Castelmezzano e Pietrapertosa, che per non vivere in un passato gramo e senza prospettive hanno scelto di volare anche loro, come gli uccelli.

Intanto abbiamo promosso un sondaggio. Il seguente
[yop_poll id=”1″]

[AWD_comments url=”https://www.trmtv.it/home/attualita/2013_03_13/46460.html” width=”630″ nb=”20″ colorscheme=”light” type=”html5″ mobile=”0″]