Matera è Fiera, 10mila presenze nelle prime due giornate

MATERA – Diecimila come l’estensione in metri quadri dell’area espositiva. Ma soprattutto come le presenze, nelle prime due giornate di fiera. Numeri importanti per la kermesse fieristica materana, come rende noto Quadrum, la società di promozione e sviluppo che la propone. Si consolida così un evento che si candida sempre di più ad entrare nel novero di quelli storicizzati. A spasso fra gli stand, dunque, alla scoperta delle produzioni di qualità del territorio, ben 160 gli espositori, in un momento che di per sé fornisce una opportunità di incontro diretto fra domanda e offerta. Una vera e propria vetrina su enogastronomia, commercio, artigianato, enti locali e turismo. Ma ad attrarre l’attenzione di curioni, appassionati ed esperti sono anche i convegni, dedicati ai temi più delicati e strategici per l’economia e lo sviluppo del territorio lucano, che può e deve fare leva sul turismo. Come è emerso ieri, nel corso dell’approfondimento pomeridiano, che ha avuto luogo nell’area convegni, alle ore 18. Al centro dei lavori, il turismo, inteso come volano dell’economia, fra potenzialità, ritardi, prospettive. Aspetti sui quali si è soffermato, in particolare, l’assessore regionale alle attività produttive, Marcello Pittella, che ha indicato nell’attuale gap infrastrutturale uno degli ostacoli più evidenti. Dal turismo, dunque, al grande cabaret, quando, intorno alle 22, sul palco della fiera, è salito il comico barese, Gianni Ciardo. Simpatia, battute e comicità e grande successo di pubblico per la seconda serata del “Melarido”. Stessi orari e stesse location, per la terza giornata di fiera, quest’oggi, venerdì 7 settembre. Un menù ampio ed articolato, in particolare col convegno dedicato al tema della cultura, quale fondamento dell’azione pubblica. Ad animare la serata, invece, i protagonisti del “Mudù 2012”. E la festa continua.