Ponte di Pasqua, Matera preferita dai turisti

Turisti nei Sassi

Se marzo, per definizione, in quanto a clima è notoriamente “pazzerello”, non si può dire che aprile, quest’anno, sia da meno. Il quarto mese del 2012 è iniziato all’insegna di un clima decisamente poco clemente e primaverile accompagnato da pioggia, come dimostra questo ponte pasquale. Anche a Matera cielo coperto e pioggia che però non scoraggiano la visita dei turisti, a passeggio anche con l’ombrello nei Sassi, sul piano e nel parco della Murgia, dove campeggiano le croci del “Golgota”, utilizzate per lo spettacolo serale di luci e suoni “Mater Sacra”, incentrato sulla Passione di Cristo. Albergatori e ristoratori si sono già detti soddisfatti nei giorni scorsi e tra le comitive che affollano Matera sono tanti anche i giapponesi. E poi i giovani che, come prevedibile, per il pernottamento hanno preferito soluzioni più economiche, su tutte l’ostello ma anche i bed & breakfast, almeno quelli che praticano tariffe abbordabili. Ad allungare la visita, inoltre, ci pensa l’offerta museale della città, tra Musma, Museo archeologico Ridola e Museo di Arte Medievale e Moderna, ma anche le ricostruzioni della civiltà contadina dell’omonimo museo e delle Case grotta, ancora nei Sassi, insieme alle cisterne sotterranee e, su piazza Duomo, la visita alla Sala degli Stemmi della Curia arcivescovile. Tantissimi i camperisti, tra questi alcuni hanno scelto anche l’area del Centro di Educazione ambientale di jazzo Gattini, sul parco della Murgia.