Eliminati posti auto per disabili dal parcheggio di piazza della Visitazione

Matera. Da domenica scorsa in piazza della Visitazione sono stati sostituiti quattro stalli per disabili con posteggi delimitati da segnaletica blu a pagamento. Si tratta di un parcheggio privato gestito dalla S.i.s.a.s. ad uso pubblico, ma in ogni caso la normativa vigente, come sottolineano anche le associazioni di tutela dei cittadini, indica che nelle aree di parcheggio sia pubbliche che private devono essere previsti, nella misura minima di 1 ogni 50 o frazione di 50, posti auto di larghezza non inferiore a 3,20 metri riservati gratuitamente ai veicoli al servizio di persone disabili e quindi anche nell’ambito dei parcheggi muniti di dispositivi di controllo della durata della sosta. Questo significa che se ci sono 50 parcheggi, uno deve essere riservato ai detentori del contrassegno e 49 agli altri utenti. Se ce ne sono 20, uno deve essere riservato ai detentori del contrassegno e 19 agli altri. I Comuni peraltro dovrebbero assicurare appositi spazi riservati ai veicoli delle persone con disabilità, sia nei parcheggi gestiti direttamente o dati in concessione, sia in quelli realizzati e gestiti da privati. Dalla società che gestisce il parcheggio è giunta solamente la conferma della sostituzione dei parcheggi per disabili con aree di sosta a pagamento. Una questione che andrebbe approfondita perché sta creando non pochi malumori tra i destinatari di un beneficio cancellato. Una città, Matera, che per la presenza di pavimentazioni dissestate, rampe ripidissime, scalini insormontabili e marciapiedi sconnessi diventa per i disabili sempre più invivibile.