Nessuna misura per la crescita in manovra? Torna il baratto

La crisi stimola la fantasia e se i soldi sono sempre meno, torna il baratto. La Confederazione Italiana Agricoltori di Pisa realizzerà su internet un portale che funziona come una vera e propria banca del baratto e non solo per gli agricoltori. È rivolto in particolare al mondo agricolo, sottolineano dalla C.I.A. , la direzione lucana in particolare fa sapere che il meccanismo potrà essere presto esteso. Come tutte le banche sarà aperta a tutti per tutto l’anno. Un esempio? Un’azienda che ha una certa quantità di vino invenduto può segnalarlo al portale in cambio di un soggiorno di una settimana in Sicilia o in Sardegna, oppure sulle Dolomiti. Un sistema che si candida dunque a diventare un vero e proprio veicolo per aumentare gli scambi, le esperienze, le sinergie tra aziende e per avvicinare nuovi cittadini al mondo dei campi, dando così una mano concreta al decollo della filiera corta. Offro dieci caciotte di pecora di prima qualità, cerco un pigiama di puro cotone. Offro 80 litri di vino rosso Doc per un macchinario da giardino, anche usato ma in buono stato. Permuto 50 litri di ottimo olio extravergine d’oliva 0,4 gradi di acidità, per un soggiorno completo di tre giorni in una beauty farm, magari in alta Italia. Il baratto torna dunque di grande attualità e proprio dalla campagna riprende vita il primo metodo di commercializzazione conosciuto dall’uomo. Il Paese mette in campo il Governo tecnico, per salvare l’Italia ma soprattutto l’euro. Arriva la stretta sulle pensioni, ritorna l’Ici e nel secondo semestre del 2012 si annuncia un ulteriore aumento dell’Iva. Insomma aumentano le tasse e le misure per rilanciare la crescita, la produzione e quindi l’occupazione, rimangono ancora una promessa. In questo scenario il mondo agricolo si ingegna. Il baratto non è la soluzione di tutti i problemi, fanno sapere dalla C.I.A. , ma un utile meccanismo. Non si tratta di un ritorno al futuro, ribadisce la Confederazione, ma di una idea innovativa che attinge dal passato remoto.