Anche Margiotta si schiera contro il decreto sul nucleare

Roma. Mentre è al vaglio delle Commissioni Ambiente e Industria della Camera dei Deputati il Decreto Legislativo n. 174, “Localizzazione e realizzazione di impianti nucleari”, esprime ferma opposizione anche  il deputato lucano Salvatore Margiotta, Vicepresidente della Commissione Ambiente. E’ ”assurdo e inacettabile”, ribadisce Margiotta, che “in mancanza di intese con le Regioni il Governo possa agire, con delibera motivata del Consiglio dei Ministri, individuando i siti per le centrali ed il deposito di scorie”. La battaglia parlamentare per correggere il decreto, che il gruppo del PD delle due Commissioni sta svolgendo, non basta; è necessario infatti, “come già sta facendo il Governatore  De Filippo che istituzioni locali e cittadini lucani si mobilitino per impedire ulteriori tentativi di sfregio del nostro territorio”. La memoria torna sicuramente all’autunno del 2003 quando il precedente governo Berlusconi, assegnando alla Sogin, allora come oggi, il compito di scegliere il sito dove realizzare il deposito di scorie, tentò di trasformare la fascia jonica della Basilicata nella discarica radioattiva del Paese.