Vertenza Coop-Carrefour, Cgil: necessario riaprire dialogo

CgilMATERA – Il passaggio di gestione, da Carrefour a Coop Estense, sta assumendo una connotazione strana e inusuale, a causa della rigidità con la quale il grande marchio, che sta per rilevare il punto vendita materano, ha deciso di approcciare alla questione. A ribadirlo, in un comunicato, la segretaria generale GCIL MATERA, Manuela Taratufolo, che ricorda, inoltre, che l’accordo quadro sottoscritto dalle Federazioni di categoria Nazionali (relativo ai tre negozi di Matera, Brindisi e Bari) prevede un percorso finalizzato alla riorganizzazione di ogni punto vendita,  esclude le procedure dei licenziamenti collettivi e demanda al livello territoriale la trattativa specifica per ogni singola unità produttiva. L’ipermercato di Venusio, sottolinea ancora la Taratufolo, ha sempre goduto di buona salute, non sono mai state attivate procedure di cassa integrazione ordinaria e straordinaria, né è stata mai sospesa l’applicazione del contratto integrativo. A fronte di questi dati, che segnalano l’equilibrio finanziario dell’ipermercato, oggi COOP pone i lavoratori di fronte ad un vero e proprio aut aut: accettare la riduzione dell’orario di lavoro a 24 ore settimanali oppure andare in mobilità. Un atteggiamento poco corretto verso i 134 lavoratori coinvolti nella vicenda, si sottolinea ancora nel comunicato sindacale, quello che il marchio sta riservando anche al sindacato. Il sindacato della concertazione e del confronto, conclude la Taratufolo, auspica la ripresa di una trattativa fondata sulla disponibilità reciproca, con una grande attenzione al territorio e a quello che fino ad oggi ha rappresentato il punto vendita di Venusio.