Bari non dimentica Michele Fazio, vittima innocente di mafia. Questa mattina la commemorazione a 17 anni dalla sua morte

Il 12 luglio é una data emblematica per Bari e la Puglia tutta. I fatti di cronaca raccontano di sangue innocente versato per mano di errori umani, come il disastro ferroviario sulla Andria-Corato, ma anche per mano della mafia. Come in quel lontano 12 luglio del 2001 quando un proiettile colpi alla nuca il 16 enne Michele Fazio, troncando la sua vita e i suoi sogni. Oggi Michele vive grazie al ricordo di tutte le associazioni che lottano contro la mafia. Un ragazzo che nel cuore di Bari si trovava nel luogo e momento sbagliato. Si trovò in mezzo a una raffica di proiettili, nella guerra in corso tra i clan Strisciuglio e Capriati. Una morte come tante altre di vittime innocenti della mafia. Da quel giorno Bari è rinata. Nel cuore della Città bisogna sentirsi protetti e vivere.

 

Share Button