Bari, la Cisl organizza una tavola rotonda sul fenomeno della ludopatia

E’ la nuova droga dei poveri, un fenomeno silenzioso e preoccupante, che registra ogni anno sempre nuovi casi. Il gioco d’azzardo patologico al centro di una tavola rotonda organizzata dalla FNP Cisl con Anteas, durante la quale sono stati diffusi alcuni dati. Il 65% delle persone affette da ludopatia vive al di sotto della soglia di povertà; i baresi mediamente giocano da mille a duemila euro a testa all’anno nelle 6.823 macchinette disponibili su tutto il territorio. A detenere il primato, coloro che abitano nel sud est barese. Un fenomeno preoccupante, che purtroppo riguarda in particolar modo le fasce più povere della popolazione e che, troppo spesso, si tramuta in una vera e propria malattia. Accanto al gioco d’azzardo, il fenomeno dell’usura.

Share Button