Protesta di 30 operai del termovalorizzatore Fenice

Stamane a Potenza, richiesta di incontro in Prefettura per 30 operai del termovalorizzatore Fenice – sito nell’area industriale di San Nicola di Melfi.

La protesta, sostenuta dal segretario FIOM-CGIL Emanuele De Nicola, è stata motivata con i tagli di personale, riduzione dei salari e soprattutto con la mancanza di sicurezza dello stabilimento.
L’ennesimo incidente all’interno di una vasca contenente rifiuti speciali ha alimentato la preoccupazione per il futuro.

Share Button